RAINY

RAINY
Stamattina, approfittando del fatto che non ho scuola, non ho puntato la sveglia e  al mio risveglio credevo fosse ancora presto perché fuori era relativamente  scuro. Come d’abitudine,  ho allungato il braccio per prendere l’Phone dalla dock station per guardare l’ora e per vedere se qualcuno aveva scritto o mandato... Continua »
luglio 12, 2017 / 4

BENVENUTI…

Come già vi spiegavo in un precedente post, le cose qui negli Stati Uniti sono differenti rispetto l’Europa e avere un dottore è il minimo  quando non si hanno più vent’anni. Quindi, in Connecticut, primo Stato dove siamo approdati ed abbiamo vissuto per un anno, avevamo trovato un dottore a... Continua »
PAROLE

PAROLE

“Lascio che i pensieri si succedano sotto la penna nello stesso ordine in cui i temi si sono presentati alla mia riflessione: così potranno rappresentare meglio i moti e il cammino della mia mente.”  (cit.Diderot) Penso non ci sia nulla di più piacevole che scrivere.  Sin da ragazzina ho avuto... Continua »
Cristalli

Cristalli

Possiedo una madia antica, era appartenuta ai miei arcavoli. La apro ogni giorno, più volte al giorno eppure oggi è accaduto qualcosa. Guardavo i vasi da fiori di cristallo che vi ripongo; colorati, intagliati, alcuni antichi con preziosi ricami in oro zecchino appartenuti alla trisnonna,  altri lineari e semplicissimi. Ho visto... Continua »
E.R. without George.

E.R. without George.

   (Questa meravigliosa foto è dell’ospedale PUBBLICO pediatrico della città dove vivo e dove le vetrate vengono lavate da una società che manda i suoi addetti vestiti da super eroi. Lo trovo meraviglioso! E detto ciò, quando si parla di sanità negli Usa spesso la gente lo  fa a sproposito, le... Continua »
Sera

Sera

Sono appena tornata da una passeggiata al lago. Non c’era anima viva e questo è ciò di cui la mia vista ha potuto godere. Sembra di essere al mare ed invece si tratta del Lago Michigan e delle sue famose dune! A parte i violenti temporali, che ogni notte ci... Continua »
Quiete…

Quiete…

Quando sono arrivata in Michigan, ho subito cercato un posto che mi piacesse per fare ciò che da tutta la vita è per me una buona abitudine; fare running. Ad essere onesti fino a prima del mio grave incidente, correvo 10 km tutte le mattine poi in unità spinale, alla... Continua »
VITA BELLA!

VITA BELLA!

Ed eccomi tornata. É stato un periodo caotico in cui dovevo  far collimare  i corsi al College, il volontariato e due  lavori di traduzione che dovevo finire (ed ho consegnato) e il tutto doveva incastrarsi con il chiropratico, il true pilates (necessari per il benessere della mia schiena!)  e la vita quotidiana... Continua »
Profumo…

Profumo…

Il cordolo del giardino è ormai pieno di mughetti ed anche se mi dispiace raccoglierli, un mazzetto da mettere dove ho la foto di Papà, l’ho rubato alla terra . Oggi, complice un venticello ed un bellissimo sole, ho lavorato restando  in giardino. Ogni tanto arrivava il profumo di questi fiori che mi hanno... Continua »
ANDARE VIA…

ANDARE VIA…

É fiorito l’albero di ciliegio americano che abbiamo di fronte casa e di fianco al viale che porta al garage. É uno spettacolo meraviglioso, un’esplosione di colore e di profumo inebriante. Ho pensato che se ci fosse qui Paola passerebbe ore a fotografarlo. Se mi affaccio dalla sala o torno a casa... Continua »
L’ ETÁ

L’ ETÁ

Ed è un gran parlare di Macron e della moglie più vecchia di lui. E io sorrido. Lo faccio perché tra me e Hubby c’è differenza d’età ed il nostro è davvero un grande Amore e,  chi ci conosce, ben può testimoniarlo. Cosa non ha fatto per conquistarmi; dal partire dopo... Continua »
Fuga

Fuga

  e relax… Non sono scomparsa, semplicemente, nel mio uovo di Pasqua ricevuto in anticipo,  ho trovato “quattro giorni total relax a Miami”. Giovedì pomeriggio ci siamo imbarcati su di un volo Delta e cinque  ore dopo eravamo in Hotel in Florida. Lasciato il freddo (ci siamo messi in viaggio col piumino!)... Continua »
QUOTIDIANITÁ

QUOTIDIANITÁ

Ho appena chiuso Skype dopo quasi un’ ora con Hubby. Era stanco e aveva  occhiaie profonde. Qui sono le 18:35 era appena rientrato in albergo dalle 7 di stamane!  Alla faccia di chi asserisce che i general manager non lavorano; lui si guadagna ogni singolo centesimo! Io sono a casa per lo spring... Continua »
PEACE

PEACE

Silenzio assoluto intorno a me, solo il ticchettio della pioggia e della tastiera.  Hubby è partito per tre giorni per seguire la modifica di  un impianto in Coca Cola;  lavoro che gli operai e tecnici possono fare solo di sabato e domenica quando la produzione sarà ridotta ai minimi termini. Voleva... Continua »
HOME…

HOME…

HOME SWEET HOME…   Home. Ho iniziato a non tenere più il conto degli anni trascorsi in giro per il mondo per il lavoro di Hubby. In un certo qual senso penso sia una sorta di “difesa” interiore per supplire alla mancanza di un posto fisso e solo mio nostro.... Continua »
Basta poco

Basta poco

“Basta poco che ce vo?” La pioggia ha portato via la neve. É piovuto per tre giorni e anche l’influenza è andata via con l’acqua. Ora sto meglio e mi godo un tardo pomeriggio tranquillo. C’è un silenzio irreale così com’è il sole che da stamattina brilla in un cielo... Continua »
Una giornata comune…

Una giornata comune…

É stata una giornata operosa questa. Ben tre capitoli sono partiti alla volta dell’Editor anche grazie alla neve che scende da stanotte; ne avrei anche fatto a meno!   e che ha contribuito a creare un’atmosfera “surreale”. Ho acceso il camino e per magia hanno iniziato ad accavallarsi ricordi e voglia di... Continua »
Piccole cose

Piccole cose

Piccole cose E poi ci sono queste piccole cose. Stamane mi sono svegliata che fuori era ancora buio; sabato è scattata l’ora legale, ieri c’era un sole incredibile, sembrava finalmente che  la primavera fosse alle porte e mi pregustavo l’acquisto delle viole e delle primule da mettere in giardino e sul... Continua »
Dignità

Dignità

Dignità…questa sconosciuta! Recentemente come ho già scritto,  ho sfoltito “le conoscenze”  virtuali;  non erano così importanti da giustificare ancora la mia pervicacia nel tenerle in vita. Stamattina ho avuto la conferma se mai ce ne fosse stato bisogno  d’aver fatto la cosa giusta. Del resto le persone che mi importano sono qui e... Continua »
Era di  marzo…

Era di marzo…

Era sera. Le giornate iniziavano ad allungarsi. Il camino scoppiettava, in sottofondo  la Dion e la Streisand cantavano “Tell Him”.  Stavo leggendo un libro accoccolata sul divano e sentivo l’eco delle risate di mio figlio e del suo migliore amico provenire dalla sua stanza. Pochi minuti e  sarebbe stato ospite per il... Continua »